VIEWFest | 2008
  Ringraziamenti  |  Partners  |  Luoghi e ingressi  |  Ospitalità  |  Contact Edizioni precedenti:  2006  |  2005     English Version  
       Scarica il programma
       Photo Gallery
    Ospiti
  Speciale 2008
  Spettacoli
  Mostra
  Retrospettive
  Programma scuole
  Proiezioni
  Cinema d'avanguardia dal mondo
  ITALIANMIX
Casa Alemanno  |  ConiglioViola  |  Craig Foster  |  Happy  |  Chris Milk  |  Gianluca Nicoletti
Lorenzo Oggiano  |  Ivano Piva  |  Guillaume Raymond  |  Sebastian Sylwan |  Jonathan Wells 

Il gruppo folk melodico familiare Casa Alemanno è composto dai fratelli Riccardo e Francesca. Nasce nell'ambito dell'iniziativa "L'impresa dei MILLE" sviluppatasi dalla trasmissione radiofonica Melog (Radio 24) e il social network Facebook, su iniziativa di Gianluca Nicoletti, che ha invitato il duo a realizzare musiche e parole per l'adattamento teatrale La macchina per entrare e uscire dal mondo, tratte da alcuni racconti dell'ultima pubblicazione di Bitser Scarfiotti "Le vostre miserie il mio splendore". Nella vita di tutti i giorni i fratelli Alemanno svolgono attività distanti dal mondo della musica che, pertanto, rappresenta un impegno amatoriale e frutto di pura passione artistica.

ConiglioViola è uno dei gruppi new media art più noti e attivi sulla scena artistica contemporanea. Fondato nel 2001 tra Torino e Barcellona dalla coppia di artisti Fabrice Coniglio e Andrea Raviola, ConiglioViola è attivo in tutti i campi della creazione artistica contemporanea, dalla videoart alla fotografia, dalla net.art alle installazioni interattive, fino al teatro multimediale e alla musica elettronica.
Il loro lavoro, presentato nei teatri e nei festival di tutto il mondo, ha ottenuto numerosi riconoscimenti: dalle due nomination per il miglior sito web italiano all'Italian Web Awards 2005, al premio MOVIN'UP 2005 del Ministero per i beni e le attività culturali con il progetto De Private Eye fino al premio Pagine Bianche d'Autore del 2007.

Craig Foster (http://www.dagnabbit.com) è un artista Pixar. Esperto in Motion Picture e Cinema, vive a San Francisco Bay. Nel 2002 ha dato origine al progetto Protest Art, creando un'opera al giorno sulla base delle impressioni ricevute dai telegiornali. Il progetto è a oggi confluito in un blog d'arte che contiene circa duemila immagini.

Happy è la coppia di registi Guy Shelmerdine e Richard Farmer. Dopo una eccezionale e pluripremiata carriera nella pubblicità, hanno inziato a realizzare video musicali e cortometraggi nel 2002. Hanno vinto immediatamente il premio Best New Director a Cannes e da allora si sono collocati nella top 25 della lista dei migliori registi di Creativity Magazine. La visione provocatoria che caratterizza il lavoro degli Happy ha fatto il giro del mondo, dagli Stati Uniti all'Inghilterra, dal Canada alla Danimarca, fino alla Germania e alla Francia.

Chris Milk (http://www.chrismilk.com), celebre regista americano cresciuto a New York, ha realizzato videoclip per artisti come i Chemical Brothers (The Golden Path), Modest Mouse (Ocean Breathes Salty), Courtney Love (Mono), nonché ben tre video per Kanye West. Il suo lavoro più recente è l'acclamato video per gli U2 e Green Day: The Saints are Coming. L'opera di Chris Milk è incisiva e dissacrante e ha saputo avere un grandissimo impatto sulla scena artistica mondiale. A VIEWFest il regista presenteràs, per la prima volta in Italia, una rassegna dei suoi lavori.

Gianluca Nicoletti dal 1983 inizia a collaborare alla Rai e dal 1993 al 2004 ha raccontato quotidianamente al microfono di Golem le "miserie della televisione e dei suoi idoli". Nel 1993 Golem è approdato su internet come prima sperimentazione di ibrido comunicativo tra radio, tv e internet. La trasmissione ha vinto numerosissimi premi. Dal 1999 al 2004 è stato direttore editoriale di Rai Net, ha curato lo start-up del portale internet della Rai, fondato la testata giornalistica on line Rai Net news di cui è stato anche direttore responsabile, e diretto la realizzazione di Rai Click, la tv in banda larga. Dal gennaio 2005 è editorialista assunto dal quotidiano La Stampa, ed è autore e conduttore della trasmissione radiofonica Melog per Radio24. Si è espanso in Second Life con l'avatar bitser Scarfiotti giocando in continui rimandi tra radio (Melog) e mondo virtuale (bitser Scarfiotti show). Ora sta sperimentando una nuova interazione tra la radio e il social network Facebook dove ha creato l'iniziativa "L'impresa dei MILLE".
Tra le sue pubblicazioni: Ectoplasmi (Baskerville 1994); Amen (Mondadori 1999); Golem. Idoli e televisioni (Rai Eri 1999); Le vostre miserie, il mio splendore (Mondadori 2007).

Lorenzo Oggiano (http://www.lorenzooggiano.net) nasce a Padova nel 1964. Attualmente vive e lavora a Sassari. Laureato in arti visive presso l'Università degli studi di Bologna (D.A.M.S.) con una tesi sui rapporti tra arti e nuove tecnologie: "Arte contemporanea e interazione tecnologica: corpi della mutazione". Dai primi anni novanta è impegnato in una ricerca artistica e teorica sulle mutazioni biologiche, sensoriali e cognitive indotte dalle nuove tecnologie e sulle potenzialità estetico-comunicative dei nuovi media.
I suoi lavori sono apparsi all'interno delle più importanti istituzioni pubbliche e private e all'interno dei maggiori Festival d'arte digitale, a Berlino, Parigi, Barcellona, Madrid, Roma, New York, tra cui: Optica, Festival Internacional de Vídeo Arte de Gijón, Gijon, Spagna (2007) | Videominuto PopTV2007, Centro per l'Arte Contemporanea L. Pecci, Prato (2007) | Dissonanze 7, Aula Magna, Palazzo dei Congressi (Eur) Roma, Italia (2007) | WRO07, International Media Art Biennale, National Museum, Polonia (2007) | Festival Némo, Le Cube, Issy-les-Moulineaux, Francia (2007) | Cartes Flux Vol.2, Cartes Centre of Art and Technology, Espoo, Finlandia (2007) | Directors Lounge, Contemporary Art and Media, Berlino, Germania (2007) | 10th International Festival for Computer-Based Art, Dresda, Germania (2006) | Art Tech Media, Bilbao - Barcelona - Madrid (2006) | Hybridation / Heredite, Cinémathèque Française, Parigi, Francia (2006) | Living Culture, New York, USA (2006) | Darklight Film Festival, Filmbase, Dublino, Irlanda (2006) | European Media Art Festival, Lagerhalle, Osnabrück, Germania (2005) | Today in Paradise, Genetics & Art, Röda Sten, Goteborg, Svezia (2005) | Spark Video 4.4, Spark Contemporary Art Space - Syracuse, NY, USA (2005).

Ivano Piva. Fotografo professionista dal 1985, si occupa di fotografia commerciale collaborando con agenzie di pubblicità e aziende del settore alimentare. Dal 2004 è docente di Tecniche di Ripresa in Studio presso l'Istituto Europeo di Design – Torino. Predilige la semplicità nella comunicazione.

Guillaume Raymond, graphic designer e artista multimediale, dal 2000 è a capo dell'agenzia di grafica e design NOTsoNOISY a Vevey, in Svizzera. Dal 2004 al 2006 insegna fotografia per la formazione superiore alla CEPV in Svizzera. Oltre al progetto Game Over (http://www.notsonoisy.com/gameover), tra i suoi numerosi film segnaliamo: Escaliers Concept (1996); Résolution de conflit (2003), realizzato con Sylvie Ramel, Ce n'est pas l'envie (2003), realizzato con Baptiste Cochard; Voyage intime (2004) e il recente video clip per Charlotte Parfois, Au Sol (2008). Tra le mostre e performance: Mise en boîte, all'Atelier 7ici di Friburgo, Svizzera nel 2001; Mes nuits sont plus belles que vos jours, all'Association Baryte; Pong mythos, al ComputerSpiel Museum di Berlino; Experimenta Playground, International Biennial of Media Arts, Melbourne, Australia (2007).

Sebastian Sylwan è Senior Industry Manager per il cinema alla Autodesk. In questo ruolo, si occupa della strategia di tutti i prodotti Autodesk per l'industria cinematografica. Prima di unirsi alla Autodesk, Sebastian è stato Director of Technology alla Digital Domain (http://www.d2.com), dove ha rinnovato con successo l'infrastruttura tecnologica. In quel periodo ha guidato il settore tecnologia in nuove aree, mai sperimentate prima, tra le quali lo sviluppo della prima resa sterescopica di un film d'animazione in computer grafica. Precedentemente aveva seguito la sua curiosità recandosi in California per portare avanti un lavoro di ricerca come consulente per la tecnologia all'USC Institute for Creative Technologies Graphics Lab (http://ict.usc.edu/graphics) Ha condotto il progetto per il design e la costruzione di Light Stage 6, lo strumento di più grande e più avanzato al mondo di BRDF capture (Bidirectional Reflectance Distribution Function capture) usato non solo in computer grafica ma anche nelle più innovative linee di produzione Image Based Lighting per molti dei maggiori blockbuster di Hollywood. In Italia, invece, è stato CTO di VR&MMP e poi di Lumiq (http://www.lumiq.com) fin dai loro inizi.

Nel 1994, Jonathan Wells ha lanciato il festival di cinema RESFest: un festival che si è presto trasformato in un fenomeno di portata mondiale sfociando – nei successivi dieci anni – non solo in un appuntamento annuale di proiezioni comprendente ben 18 Paesi e un culture magazine mensile, bensì in un vero e proprio fenomeno di costume, una sorta di etichetta, al punto che la gente usava l’espressione “Questo è così RES!”. Dopo la vendita del RESFest, la FuelTV gli ha chiesto di curare lo Swerve Festival, un nuovo evento di Los Angeles dedicato al cinema, all'arte, e allo sport.
E tutto questo – risponde Wells quando gli viene chiesto il segreto della sua incredibile capacità di penetrare lo spirito culturale del suo tempo – è capitato per caso!
  Corso Marconi, 38 10125 Turin – Italy  tel. +39 011 66 80 948  tel. +39 011 5695155  fax. +39 011 6501214   info@viewconference.it

VIEWFest digital movie festival